Tu sei qui

Sezione Operatore

Rinite allergica

Versione stampabileversione PDF

La rinite è una infiammazione della mucosa nasale, che si manifesta clinicamente con comuni sintomi quali prurito, ostruzione, congestione e secrezioni nasali.La rinite allergica è una patologia frequente, con ricadute significative sulla qualità della vita. È dovuta a reazioni di particolari anticorpi (IgE) nei confronti di sostanze abitualmente innocue (allergeni) come ad esempio pollini. La maggior parte dei casi sono autolimitanti e di breve durata.

Andamento in gravidanza: 

Le allergie respiratorie sono una patologia molto comune in gravidanza, infatti più del 20% delle donne gravide presenta una rinite allergica.I sintomi della rinite allergica peggiorano nel 30% delle donne, per la vasodilatazione e l’azione ormonale sui corrispettivi recettori presenti nei mastociti. In virtù dei cambiamenti ormonali, il primo e l’ultimo mese di gravidanza comportano un minore rischio di riacutizzazione asmatica, mentre il secondo ed il terzo trimestre sono a maggior rischio.

Gestione in gravidanza: 

Il trattamento della rinite allergica si basa nell’eliminare/evitare gli allergeni scatenanti la sintomatologia e sulla terapia farmacologica.

Di norma le pazienti in gravidanza con sintomi lievi e/o di breve durata non richiedono alcun trattamento farmacologico.

Se la sintomatologia richiede il trattamento farmacologico, in generale è consigliabile:

  • prescrivere il farmaco più efficace per la paziente e con i minori rischi materno-fetali,
  • somministrare i farmaci di cui si ha maggior esperienza clinica (es. da più tempo in commercio) ed al più basso dosaggio efficace,
  • assumere il farmaco in monoterapia.

Revisione scientifica: 

14/11/2012
Youtube AIFA