Tu sei qui

Sezione Operatore

Eritromicina

Versione stampabileversione PDF

Antibiotico appartenente alla famiglia dei macrolidi. Ha un’emivita di eliminazione di 1-2 ore; passa la barriera placentare.

Gravidanza: 

1° Trimestre

I dati disponibili, su un ampio campione di donne, non hanno evidenziato, ad oggi, un aumento significativo di anomalie congenite, rispetto all’atteso, nei nati esposti.

Uno studio retrospettivo ha evidenziato un lieve aumento del rischio di stenosi ipertrofica del piloro e di anomalie cardiovascolari; tale segnalazione non è stata confermata da studi successivi.

2°-3° Trimestre

Non vi sono segnalazioni di effetti avversi per esposizione ad Eritromicina, alle dosi consigliate e per brevi periodi, durante il 2° e 3° trimestre di gravidanza. 

Allattamento: 

Passa nel latte materno. Non vi sono segnalazioni di significativi effetti avversi correlati all’allattamento al seno in corso di terapia materna con Eritromicina. È indicato un monitoraggio pediatrico (sonnolenza, sintomi gastrointestinali e allergici).

Revisione scientifica: 

Mercoledì, 25 Novembre, 2015
Youtube AIFA