Tu sei qui

Sezione Operatore

Benzodiazepine

Versione stampabileversione PDF

Le Benzodiazepine sono un gruppo di farmaci che aumentano l'effetto del neurotrasmettitore GABA (acido gamma-amino-butirrico); sono utilizzate nei trattamenti di disturbi d'ansia, insonnia, convulsioni e spasmi muscolari.

Le Benzodiazepine possono essere classificate in base all'emivita di eliminazione (lunga, intermedia, breve, brevissima). Il loro metabolismo epatico può aumentare in caso di assunzione di barbiturici e di alcool. Hanno una elevata liposolubilità e passano la barriera placentare.

Gravidanza: 

1° Trimestre

Studi di coorte, meta-analisi, studi caso controllo sulla categoria delle Benzodiazepine non hanno evidenziato, per assunzione sporadica e a dosi terapeutiche, un aumento del rischio di anomalie fetali rispetto all’atteso. 

Vi sono sporadiche segnalazioni, tempo e dose dipendenti, di dismorfismo facciale, labio-palatoschisi, anomalie gastro-intestinali (atresia intestinale, stenosi del piloro), anomalie cardiovascolari, alterazioni neurologiche, microcefalia nei nati da donne che avevano assunto Benzodiazepine in gravidanza.

2°-3° Trimestre

L'uso di Benzodiazepine nell'ultimo periodo di gravidanza può provocare nei neonati distress neonatale con ipotonia, ipotermia, tremori, cianosi, distress respiratorio, transitorie alterazioni comportamentali, basso peso alla nascita, parto pretermine.

L’uso cronico di Benzodiazepine in gravidanza è stato correlato ad alterazioni dello sviluppo psico-motorio nel neonato-bambino; tali dati sono ad oggi preliminari, necessitano di studi a lungo termine a causa dei molteplici fattori confondenti (politerapia, abitudini di vita, fumo, alcool).

Allattamento: 

Le Benzodiazepine di norma passano nel latte materno. L’allattamento al seno in corso di terapia materna non è controindicato, ma deve essere valutata dal pediatra l’eventuale presenza di effetti collaterali nel lattante (specie sedazione, ipotonia, difficoltà alla suzione). Deve essere preferita una Benzodiazepina a breve emivita di eliminazione.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Gli studi che hanno evidenziato una possibile associazione tra assunzione di benzodiazepine in gravidanza ed una alterazione transitoria (fino ai 18 mesi) dello sviluppo psico-motorio sono i seguenti:

  1. Laegreid L, Hagberg G, Lundberg A: The effect of benzodiazepines on the fetus and the newborn. Neuropediatrics 23:18-23, 1992.
  2. Laegreid L, Hagberg G, Lundberg A: Neurodevelopment in late infancy after prenatal exposure to benzodiazepines - A prospective study. Neuropediatrics 23:60-67, 1992.
  3. Viggedal G, Hagberg BS, Laegreid L, Aronsson M. Mental development in late infancy after prenatal exposure to benzodiazepines--a prospective study. J Child Psychol Psychiatry. 1993 Mar;34(3):295-305.
  4. Mortensen JT, Olsen J, Larsen H, Bendsen J, Obel C, Sorensen HT (2003) Psychomotor development in children exposed in utero to benzodiazepines, antidepressants, neuroleptics, and anti-epileptics. Eur J Epidemiol 18:769–771

Altri studi non hanno invece riscontrato tale associazione.

  1. Gidai J, Acs N, Banhidy F, Czeizel AE (2008) An evaluation of data for 10 children born to mothers who attempted suicide by taking large doses of alprazolam during pregnancy. Toxicol Ind Health 24:53–60
  2. Gidai J, Acs N, Banhidy F, Czeizel AE (2008) A study of the effects of large doses of medazepam used for self-poisoning in 10 pregnant women on fetal development. Toxicol Ind Health 24:61–68
  3. Stika L, Elisova K, Honzakova L, Hrochova H, Plechatova H, Strnadova J, Skop B, Svihovec J, Vachova M, Vinar O (1990) Effects of drug administration in pregnancy on children’s school behaviour. Pharm Weekbl Sci 12:252–255
  4. Odsbu I, Skurtveit S, Selmer R, Roth C, Hernandez-Diaz S, Handal M. Prenatal exposure to anxiolytics and hypnotics and language competence at 3 years of age. Eur J Clin Pharmacol. 2015 Mar;71(3):283-91.

In considerazione dei dati contrastanti, i numerosi fattori confondenti ed il campione limitato che è stato analizzato, sono necessari ulteriori studi per confermare o smentire una eventuale correlazione tra assunzione di benzodiazepine in gravidanza e sviluppo neurocognitivo.

Revisione scientifica: 

Giovedì, 23 Giugno, 2016
Youtube AIFA