Tu sei qui

La campagna di comunicazione

Versione stampabileversione PDF

La campagna “Farmaci in gravidanza” nasce dall’esigenza dell’Agenzia Italiana del Farmaco di informare la popolazione e gli operatori sanitari sull’importanza di un uso corretto e appropriato del farmaco in gravidanza. Appare necessario correggere una percezione distorta, attualmente ancora radicata nell’opinione pubblica, che lega secondo un principio di causa effetto l’impiego del farmaco con la comparsa di effetti teratogeni sul feto ostacolando così la possibilità di vivere una gravidanza serena e esponendo a possibili rischi legati alla mancanza, invece che alla presenza, di cure. 

Durante la gravidanza la madre e il feto rappresentano infatti un’unità inseparabile e lo stato di salute della madre costituisce un requisito indispensabile per un regolare sviluppo del feto. Da tutto ciò discende la necessità di investire nella corretta informazione agli operatori sanitari e ai cittadini sull’importanza di assumere i farmaci in gravidanza quando ritenuto necessario dal medico. 

OBIETTIVI:

La campagna si propone di: 

  • modificare la percezione negativa sull’impiego dei farmaci in gravidanza; 
  • sensibilizzare sull’importanza di assumere il farmaco laddove ritenuto necessario dal medico nei modi e nelle dosi da lui indicate; 
  • diffondere agli operatori sanitari conoscenze scientificamente validate sull’impiego dei farmaci in gravidanza in relazione a patologie comuni o intercorrenti specificatamente individuate. 

TARGET:

La campagna di comunicazione si rivolge alla popolazione generale, con particolare riguardo alle donne in età fertile, e agli operatori sanitari.

MESSAGGI:

  • il farmaco in gravidanza, quando necessario e prescritto dal medico, deve essere assunto per la salute della donna e del proprio bambino; 
  • non curarsi mette a rischio la salute del nascituro e la propria; 
  • una malattia cronica che richiede cure farmacologiche non è incompatibile con la gravidanza; è opportuno parlarne con il proprio medico;
  • la sostituzione di un farmaco prescritto in gravidanza, o la modifica delle dosi, deve essere effettuata esclusivamente dal medico; 
  • solo il 2% degli effetti teratogeni sono dovuti ai farmaci in gravidanza; 
  • il dosaggio di molte terapie croniche può richiedere di essere rimodulato.

STRUMENTI

La campagna viene declinata sui mezzi tradizionali come TV e radio nazionali e locali, affissioni su tutto il territorio italiano, pubblicità dinamica e arredo urbano tramite la diffusione di uno spot video, un radiocomunicato e la pubblicità tabellare.